mercoledì 16 settembre 2015

Buona notizia! L'esecuzione di Richard Glossip è stata sospesa!


Sono partiti tanti appelli e all'ultimo momento una Corte dell'Oklahoma ha deciso di concedere un'ulteriore sospensione a Richard Glossip. 




http://www.theatlantic.com/politics/archive

Era prevista per oggi la sua esecuzione, era stata sospesa a gennaio e poi nuovamente fissata senza tenere conto della voce di un uomo che si proclama innocente,  del fatto che le prove a suo carico sono assai scarse. 
L’unico ad accusarlo era un altro collega di lavoro, poi condannato all’ergastolo in quanto autore materiale dell’omicidio e reo confesso, il quale ha accusato Richard di avergli commissionato l’omicidio, molto probabilmente per evitare lui stesso la condanna a morte. La condanna è arrivata dopo due processi in cui l'accusatore ha cambiato più volte la versione dei fatti e in cui Richard non poteva permettersi un'adeguata difesa legale. Gli è stato anche offerto di dichiararsi colpevole patteggiando 20 anni, ma lui ha rifiutato continuando a dichiararsi innocente.
La Corte Suprema aveva deciso di esaminare se la procedura usata per l'iniezione  letale era costituzionale, dopo un'esecuzione finita tragicamente con enorme sofferenza del condannato. Purtroppo la Corte Suprema, per 5 voti a 4, ha stabilito che la procedura utilizzata è costituzionale e lo Stato ha  fissato per la data dell'esecuzione per oggi 16 settembre.

Richard Glossip ha 51 anni, da 17 si trova nel braccio della morte. Fu condannato a morte nel 1998 (17 anni fa) con l’accusa di essere il mandante dell’omicidio di Barry Van Treese, il proprietario del motel che Richard gestiva, ucciso a colpi di bastone nel corso di un brutale agguato nel gennaio del 1977.

Insieme a Sr. Helen Prejean, celebre autore del libro “Dead Man Walking”,  e a Susan Sarandon che sostiene la sua difesa, esprimiamo la nostra gioia per questa buona notizia!


1 commento:

  1. speriamo bene .......nessuno ha il diritto di uccidere .........

    RispondiElimina

I vostri commenti sono graditi. La redazione si riserva di moderare i commenti che non contribuiscono alla rispettosa discussione dei temi trattati